My Father’s Room, il toccante corto di Nari Jang

Gli abusi e le violenze vissute da bambini o in fase adolescenziale segnano la vita delle persone in maniera indelebile. Nari Jang racconta la sua esperienza nel corto animato My Father’s Room. Schizzi in bianco e nero si trasformano in una successione di immagini e metafore visive che colpiscono lo spettatore in modo crudo e vero. Quello che vi rimarrà sono le urla, i lamenti, i rumori, perché in certi casi le parole sono inutili, superflue.

Inoltre, l’utilizzo esclusivo del bianco, del nero e dei grigi rende ancora più vivide e chiare le sensazioni e le emozioni che Nari Jang vuole trasmettere.

Riguarda Fault QUI

Share